I Venturieri

I Venturieri

PDFStampa
   Associazione per la diffusione della marineria velica

 

Nel 1970 le prime brevi crociere scuola con il ketch "Vistona" al comando di Gian Marco Borea, diedero la possibilità a molti appassionati di accostarsi al mare e alla vela secondo modi più appaganti di quelli della didattica usuale, scoprendo così il fascino ricco e mutevole di navigare su imbarcazioni e lungo itinerari che hanno riscontri lontani nella storia della marineria velica.

L'associazione "I Venturieri" è nata per sviluppare tutte le attività in grado di definire e sostanziare gli intenti iniziali: crociere-scuola, navigazioni di ricerca naturalistica, visite guidate ai musei, partecipazione a convegni, collaborazioni con enti e istituti scientifici e tutte quelle iniziative di volta in volta individuate che si dimostrino utili per una conoscenza sempre più approfondita dell'ambiente marino e della cultura navale. Inoltre l'associazione è direttamente impegnata nel restauro e nella costruzione di imbarcazioni da crociera progettate con criteri anche innovativi ma che originano dall'attento studio delle tipologie navali storiche che l'associazione conduce. Questo patrimonio di esperienze e di ricerca consente di offrire ai soci un'assistenza qualificata e una consulenza competente nel settore specifico. I soci, infine, trovano nell'associazione un punto d'incontro dove scambiarsi consigli, formare equipaggi, organizzare crociere di conserva con le proprie imbarcazioni o al seguito di quelle sociali.

 Venturieri dei tempi antichi erano giovani avventurosi, spesso cadetti di nobili famiglie, che lasciavano la sicurezza delle loro case per darsi a una vita in libertà, seguendo imprese in paesi lontani, arruolandosi come soldati, appunto, di ventura, partecipando a viaggi di esplorazione e scoperta; furono pionieri che scrissero nei secoli pagine anche eroiche in tutti gli angoli del mondo. Certo, non pochi alimentarono le fila dei corsari, e alcuni divennero perfino pirati, finendo spesso appesi a qualche forca... Tuttavia, nella piattezza della nostra vita, ove sembra che l'ordine e la sicurezza sociale siano gli unici scopi degni di essere perseguiti, un po' dello spirito dei venturieri cova in ognuno di noi; così, nell'autunno del 1987, Gian Marco Borea, con un gruppo di istruttori velici e di ex allievi, decisero di dar vita ad un'associazione che avesse come obiettivo statutario "la diffusione della navigazione a vela e della cultura marinaresca". In anni di attività I Venturieri, onorando il nome che si sono scelti, hanno promosso un rapido sviluppo di iniziative che coinvolgono, oltre al Consiglio Direttivo, un notevole numero di soci attivi ed entusiasti.

I Venturieri dispongono di splendide imbarcazioni d'epoca, classiche e moderne che, per la loro diversificazione, sono particolarmente adatte a svolgere le varie attività sociali. Gli skipper impegnati nelle attività dell'associazione sono scelti tra quelli che, in virtù del bagaglio di esperienza accumulata in anni di navigazione, hanno acquisito un alto grado di professionalità e competenza; questo consente a I Venturieri di navigare in qualsiasi mare ove essi intravedano nuove curiosità e orizzonti da esplorare. Associazione unica nel suo genere, affermata nel mondo della vela italiana, I Venturieri si sono ora proiettati verso l'Europa riproponendo ad altri ambiti culturali gli obiettivi e gli interessi che li contraddistinguono.