Crociera dei Santi

Crociera dei Santi

PDFStampa

Anche quest'anno alcuni Venturieri si sono incontrati per la crociera dei santi.Il catboat Mili di Livio, El Barbanane Niovo di Paolo, Cassiopea di Marco ed il Gabbiano Felice cutter in acciaio progetto Sciarrelli di Bruno, sono partiti da Venezia per incontrare a Grado il catboat Pussy Cat di Valter e Saor di Roberto, gemella di Gabbiano Felice.Stranamente, vista la stagione abbiamo avuto 5 giornate di sole meraviglioso

 

La navigazione all'andata è stata caratterizzata da un po' di vento da Tramontana che ci ha permesso di veleggiare aiutati anche dal motore.Arrivati a Grado siamo stati calorosamente accolti da Aldo e Francesco, rispettivamente Presidente e Segretario della prestigiosa Società Canottieri Ausonia.La loro squisita ospitalità non cesserà mai di stupirmi, è uno di quei pochissimi circoli dove i soci, all'arrivo di qualche amico “foresto”, ti accolgono a braccia aperte; è un vero piacere aver a che fare con veri marinai. Il nostro programma era di andare a fare un salto a Pirano, ma abbiamo avuto la malaugurata idea di allestire una sorta di “ristorante” in banchina della predetta società e così tra grigliate a bordo di Gabbiano Felice, bigoi in salsa, castagne arrostite e fiumi di ottimo vino ci siamo un po' impigriti e siamo rimasti a crogiolarci all'inaspettato sole di fine ottobre.
Unico diversivo una gita in autobus a Trieste con visita a piedi della città tanto per smaltire un po' di calorie. Purtroppo come ogni bella cosa abbiamo dovuto lasciare gli amici di Grado e tornare a Venezia facendo tappa a Caorle. Abbiamo scelto di tornare navigando in Laguna di Marano ed uscire a Porto Buso, purtroppo causa la marea Gabbiano Felice ha dovuto desistere, ritornare sulla precedente rotta ed uscire a Grado. Poco male ci siamo riuniti a Caorle, all'ormeggio a fianco dei pescherecci, purtroppo il trasferimento è stato tutta una smotorata per assenza di vento. L'ultimo giorno il tempo si è imbronciato, speravamo in un po' di vento ma anche per l'ultima tratta abbiamo dovuto azionare il vento di sentina; puzzolente e rumoroso! L'esperienza comunque è positiva, abbiamo avuto più partecipanti dell'anno scorso e ci siamo divertiti molto in compagnia di ottime persone sotto tutti i punti di vista. Spero che l'anno prossimo, all'ultima crociera dell'anno ormai battezzata “crociera dei Santi”, ci siano ancora più partecipanti. Buona Ventura!